Brassadele broè

brassadele broè specialità della tradizione pasquale

Brassadele broè

Dolce tipico veronese del periodo pasquale

Ispirata dall’avvicinarsi della Pasqua vi parlo oggi di una specialità veronese: le brassadele broè.
Broè” sta a significare in dialetto “scottate in acqua bollente” proprio perchè la ricetta prevede questa procedura.
Fanno parte della tradizione popolare ma non è semplice poterle acquistare. Fortunatamente sono riuscita a trovare un panificio che le ha preparate per questo periodo. Grazie a Panificio Zambaldo Caffetteria e Pasticceria di Soave per il supporto fotografico e all’amica Gabriella esperta di tradizioni e cultura enogastronomica veronese.
La loro forma ricorda in qualche modo la corona di spine portata da Gesù per questo forse l’usanza di prepararle nel periodo di Pasqua.

Le brassadele per me sono squisite: nè troppo dolci, nè troppo salate. Risultano croccanti fuori ma morbide dentro e c’è chi le arricchisce di zucchero o le ricopre di cioccolato facendole diventare ancora più buone!

brassadele broè specialità della tradizione pasquale

Come spesso accade con le ricette della nostra tradizione ognuno ha la sua e difficilmente si riesce ad estorcere il segreto per farle diventare così buone.

Io ci ho provato con il mio panificio di fiducia, Zambaldo,  che mi ha raccontato come le preparano da decenni.

La ricetta non è complicata ma occorrono tempi un pò lunghi per fare la doppia cottura. Il segreto, più che altro, sta nella manualità.
Se volete cimentarvi e prepararle insieme a me per la Pasqua questa è la ricetta.

Ingredienti:

500g farina
5 uova
100g zucchero
100g burro
vanillina
1/2 bicchiere di grappa
buccia di limone grattuggiata
pizzico di sale

brassadele mentre asciugano

Disponete la farina a fontana, aggiungete le uova, lo zucchero e il burro ammorbidito insieme agli altri ingredienti.
Impastate fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea.
Dividete l’impasto in palline quante le brassadele che volete ottenere. Stendete ogni pallina fino ad avere un rotolino ed unitela a formare un cerchio.
Ora cuocete in acqua bollente (un pò come per i taralli). Saranno cotte quando cominceranno a venire a galla.
Scolatele e fatele asciugare. Dovranno riposare un giorno prima di essere intagliate con un coltellino sul bordo esterno in modo da dare la tipica forma.
Infine le brassadele vanno infornate fino ad assumere un colore dorato.



Ti è piaciuto questo articolo?

Lasciami la tua email, ti comunicherò interessanti opportunità e promozioni da cogliere al volo dal mondo food, le ultime novità in campo culinario e i migliori locali per andare a cena a Verona e provincia!


Accetto il trattamento dei dati e della Privacy. Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi per il solo invio della nostra newsletter. Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.