Fiera dei frutti dimenticati a Casola Valsenio appuntamento di autunno

Fiera dei frutti dimenticati a Casola Valsenio

Viaggio tra cibo e tradizioni culinarie

L’autunno si sa è ricco di manifestazioni in giro per i paesini di collina e montagna del nostro Paese ma questa a Casola Valsenio, sulle colline di Ravenna è davvero una fiera molto particolare. La Fiera dei frutti dimenticati è l’appuntamento d’autunno per riscoprire piante e frutti di una volta ormai dimenticati.

Ho visitato la manifestazione di Casola Valsenio su suggerimento di un’amica che mi conosce bene e sa che sono golosa e mi piace andare alla scoperta di cose nuove. Tra l’altro sa che adoro la Saba, il mosto d’uva cotto, che qui spopola e non c’è abitante che non sappia prepararlo in casa secondo antiche tradizioni. Ve ne parlo in fondo all’articolo: se leggete tutto, sarete ripagati da un assaggio!

Fiera dei frutti dimenticati: cosa ho scoperto

Pera volpina, Mela cocomerina, Rosa canina, Mela ananas, sono nomi che ai più risulteranno sconosciuti ma appartengono a frutti che un tempo, neanche troppo lontano da noi, popolavano le nostre campagne. Dal sapore un pò insolito, talvolta difficili da mangiare crudi come ad esempio la pera volpina che deve essere cotta nel vino per consumarla.
Rarità inusuali per la nostra tavola esposte e fatte conoscere grazie all’impegno di agricoltori e promotori di questo paese sulle colline romagnole.

Fiera dei frutti dimenticati: come si essicano le castagne

Essicatore per le castagne alla fiera dei frutti dimenticati di Casola Valsenio

Durante la manifestazione vi può capitare anche di imbattervi in vecchie usanze e di vedere lavorazioni che i nostri avi facevano in campagna. Come ad esempio, l’essicatura delle castagne per poi ricavarne la farina. In casette di pietra o legno come quella che vedete in foto, venivano poste le castagne meno buone da mangiare con sotto un fuoco acceso che le faceva seccare lentamente. Quando erano pronte venivano spellate e macinate per non buttare via niente.



A Casola Valsenio anche l’orto botanico

Orto botanico di Casola Valsenio

Visto che siete in zona per la fiera dei frutti dimenticati, non perdete l’occasione di visitare l’orto botanico. Tra queste meravigliose colline del territorio ravennate in Emilia Romagna esiste un angolo di Paradiso, Il Giardino delle erbe dove potete trovare le più svariate erbe aromatiche, spezie e fiori della più vasta tradizione del luogo che molto spesso ignoriamo l’esistenza.
Visitatelo e se potete chiudete gli occhi per annusare i profumi di ogni pianta. Sarà un’emozione fantastica!

Non solo frutti dimenticati, ma anche arte

Una delle creazioni dell'artista Silvana Poli realizzata con foglie e rami

A Casola Valsenio è tempo di arte! Non solo frutti dimenticati ma opere artistiche molto suggestive. Mi è capitato di imbattermi nelle creazioni di un’artista locale che realizza le sue opere con materiali particolari.

L’autunno è una stagione che ispira con i suoi colori accesi , piante e fiori che sembrano incendiarsi. Chissà cosa pensa Ivana Poli quando passeggia in un bosco in questo periodo … Si rimane estasiati davanti a tanta bellezza: le sue dame d’autunno sembrano reali, vestite e agghindate con fiori e foglie come fossero vestiti plasmati sui loro corpi. L’artista si rifà agli abiti del carnevale veneziano quando crea le sue opere. Elementi della natura che prendono forma e rivivono grazie alle sue mani esperte che guidano una passione coltivata nel tempo.

Sono solita dai miei viaggi portare a casa qualche ricordo del luogo. Qui a Casola ho assaggiato la Saba e il Savor: squisiti prodotti tipici. Volete conoscerli anche voi? Leggete l’articolo

Vasetti di Savor in esposizione alla Fiera dei frutti dimenticati

L’appuntamento è di quelli da segnare in agenda per il prossimo ottobre, adatto a tutta la famiglia! Casola Valsenio vi aspetta con la Fiera dei frutti dimenticati e tante curiosità del mondo contadino e giochi per bambini per due weekend. Per informazioni e date cliccate qui