Merosa, la torta di mele a forma di rose

merosa la torta di mele a forma di rose

Merosa, la torta di mele a forma di rose

Il profumo delle rose, la genuinità delle mele

La cucina italiana ha le sue origini nella tradizione e ogni regione o città la personalizza secondo i propri prodotti o gusti tipici di quella zona. Quante sono le ricette che ci rappresentano un luogo o ricordano un momento particolare della nostra vita? Davvero tante, direi infinite. La torta di mele è certamente una di queste.

Ci sono ricette che ci entrano dentro nel profondo dell’anima e non se ne andranno mai. Sarà per i profumi, gli innumerevoli ricordi, le emozioni, la loro storia ma resteranno impresse nel nostro cuore. E non esiste ricettario che sappia custodire tanto valore perchè sta tutto dentro la nostra memoria.
Si potrebbe dire che assaggiare una torta di mele equivale a fare un’esperienza intensa che il nostro cervello rielabora e fa sua. Non c’entra solo il gusto perchè qui si comincia a parlare di neuroscienza collegata al cibo.

Per me la torta di mele rappresenta il calore di casa. L’atmosfera di dolci ricordi quando la nonna mi mandava a prendere le mele in taverna che poi sbucciava per fare la torta che chiamava in dialetto veronese “fogazin coi pomi“.
I vetri delle finestre un pò appannati per i primi freddi, il profumo inebriante delle mele, mani che si muovevano vispe sulla tavola per prenderne qualche pezzetto prima che la nonna se ne rendesse conto.
Forse non me lo diceva ma sembrava non accorgersene mai!

merosa la torta di mele a forma di rose
la mia ricetta

Credo che la cosa più bella di preparare la torta di mele sia che non ti stanca mai: ogni volta è diversa dalla precedente. E per questo è speciale.
Ho anche la fortuna di abitare in una zona dove ci sono molte coltivazioni di mele. Non è solo il Trentino a coltivarle, anche il Veneto. In particolare il territorio veronese produce mele di ottima qualità che in questo periodo dell’anno festeggia con molte feste in giro per la provincia.

Mentre pulivo le mele con l’intenzione di farne una torta pensavo a come poterla rendere più carina. Ho realizzato con le fettine sottili delle rose unendo idealmente un’altra specialità che mi piace molto, la torta delle rose.
La torta di mele rappresenta la tradizione, le rose inebriano con il loro profumo. Insieme compongono la torta che voluto chiamare Merosa . Un nome che abbraccia entrambe.
Non è difficile da preparare e l’effetto wow è garantito.

merosa la torta di mele a forma di rose

Ingredienti:

200g farina integrale
50g fecola di patate
2 uova
100g zucchero + 2 cucchiai
130g burro morbido
1/2 bustina di lievito
pizzico di sale
cannella
buccia grattugiata di limone
2 mele grandi

 

In una pentola mettete a bollire 500 ml di acqua con 2 cucchiai di zucchero, dopodichè versate dentro la mela tagliata a fettine sottili. Fate bollire per 3/4 minuti e poi scolatele delicatamente e fatele asciugare.
(le fettine non devono essere spesse ma nemmeno rompersi quando si piegheranno).

Lavorate il burro con lo zucchero, aggiungete poi le uova, un pizzico di sale e la buccia del limone grattugiata. Infine aggiungete la farina setacciandola con la fecola, il lievito e la cannella.
Tagliate l’altra mela a pezzetti ed incorporatela al composto.
Versate nello stampo e con le fettine di mela sbollentate formate delle rose partendo dal centro.
(In uno stampo da 24 cm come ho usato io ci stanno 8/9 rose).

Infornate a 180° per 40 minuti circa (verificare sempre la cottura con lo stecchino).
Infine, una volta raffreddata se gradite spolverate con lo zucchero a velo.

Merosa la torta di mele a forma di rose di Silla e Pepe


Ti è piaciuto questo articolo?

Lasciami la tua email, ti comunicherò interessanti opportunità e promozioni da cogliere al volo dal mondo food, le ultime novità in campo culinario e i migliori locali per andare a cena a Verona e provincia!


Accetto il trattamento dei dati e della Privacy. Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi per il solo invio della nostra newsletter. Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.