Ristorante Al Callianino di semplicità in virtù

Interno del ristorante Al Callianino di semplicità in virtù

Ristorante Al Callianino di semplicità in virtù

La cucina dello chef Alberto Mori e la moglie Ivana

Nel paesaggio della Val d’Alpone contornato da dolci pendii si trova il ristorante di chef Alberto Mori e la moglie Ivana, Al Callianino.
Già dal nome si percepisce il valore delle sue origini e quanto conta la tradizione per lo chef: il Callianino è proprio lui, soprannome che lo accompagna fin da piccolo.
Qui trova casa la semplicità di gusti genuini rivisitati dallo chef in chiave contemporanea, in un contesto moderno, elegante e raffinato.
Colori tenui e fantasie floreali alle pareti rilassano ed accolgono in un contesto informale.
Mi piacciono molto le diverse anime del locale che può essere vissuto per una cena romantica a due, per un incontro informale tra amici nella tavolata unica centrale oppure in maniera più easy, come suggeriscono i tavoli alti con sgabelli per un aperitivo o degustazione.
I piatti sono curati nei minimi dettagli e vedere come vengono preparati nella cucina a vista è un valore aggiunto. I prezzi sono adeguati alla qualità del menù e al servizio.

Lo chef Alberto Mori insieme alla moglie si divertono a creare eventi a tema molto divertenti e simpatici senza mai trascurare l’ottima cucina.

antipasto di pane nero con baccalà mantecato, asparagi crudi e cotti

Il mio percorso gastronomico inizia con un antipasto davvero delizioso. Vincente, secondo me, per l’abbinamento delle materie prime e lo scambio di colori.
Antipasto di pane nero e baccalà con asparagi crudi e cotti.
Il gioco con le consistenze diverse degli asparagi si unisce alla morbidezza e al candore del baccalà su un pane morbido dall’evidente contrasto del colore scuro

morbidi gnocchi di ricotta con fonduta di parmigiano e tartufo

Quando si incontrano piatti così non servono parole.
Ma devo in qualche modo descrivervi il mio piacere nell’assaggiare questi morbidi gnocchi con ricotta, fonduta di parmigiano e scaglie di tartufo.
Una delizia che conquista con la sua morbidezza e la delicatezza con cui si fonde insieme nel palato risultando sublime.

Coniglio in crosta di sfoglia e pancetta, con crema di curcuma e patè di olive nere

Prima di gustare insieme il secondo affidiamoci all’esperta sommelier Gioia che saprà indicarci il vino migliore da abbinare al nostro piatto.
Quanto bello è vedere una donna che sa di vino? Tanta invidia per il suo mestiere.

Il coniglio in pasta sfoglia e pancetta con salsa di curcuma e patè di olive nere è un capolavoro. La croccantezza della sfoglia avvolge il bocconcino tenero di coniglio e pancetta. All’abbraccio vanno ad unirsi due creme che ben si abbinano ai sapori già marcati del piatto.
Giuro che il piatto mi è arrivato così: non l’ho sporcato io!

Potevo non finire in dolcezza?
Certo che no!
Ecco che lo chef de Al Callianino per concludere la serata mi propone un dessert al cucchiaio, condiviso con mio marito.
Normalmente questo tipo di dolci non mi entusiasma perchè risultano un pò anonimi e piatti. Invece questa crema di cioccolato con sbrisolona imbevuta nella grappa è fenomenale per la sua anima morbida e croccante.

Da provare sicuramente!



Ti è piaciuto questo articolo?

Lasciami la tua email, ti comunicherò interessanti opportunità e promozioni da cogliere al volo dal mondo food, le ultime novità in campo culinario e i migliori locali per andare a cena a Verona e provincia!


Accetto il trattamento dei dati e della Privacy. Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi per il solo invio della nostra newsletter. Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.