Tocatì Festival dei giochi di strada di Verona

Tocatì Festival dei giochi di strada di Verona

Quando il cibo diventa elemento di gioco

A Verona a fine settembre si tiene il Tocatì: uno dei festival più divertenti ed interessanti che fanno giocare grandi e piccini per le strade del centro storico.
E’ un’occasione per riscoprire i giochi di una volta, spesso dimenticati che grazie però, all’impegno di alcuni appassionati riescono a mantenersi ancora giovani e freschi.
Discipline e passatempi che i nostri nonni facevano in strada dove non c’erano i pericoli di oggi e dove si divertivano con poco.
Bastavano dei sassi, un laccio, a volte dei bastoni per riscoprire la felicità.

Ho visitato il festival del Tocatì come foodblogger e quindi con un occhio di riguardo al cibo. Ti sembra strano? E invece no.
Molti giochi tradizionali ho potuto scoprire, hanno come elemento il cibo. Da nord al sud la tradizione insegna che un tempo si giocava con quello che c’era a disposizione. Questo perchè un tempo non c’era molto altro e i nostri avi si organizzavano con quello che avevano sotto mano.
Elementi semplici di uso comune che assumevano la connotazione del gioco. Il resto lo facevano i bambini.

 

Lancio del Maiorchino

Ecco uno dei giochi che ho incontrato al Tocatì.
C’è solo un modo per valutare la stagionatura del Maiorchino, pecorino stagionato siculo: farlo rotolare per i vicoli del paese e testarne la resistenza. La pratica sopravvive ancora oggi nel paese di Novara di Sicilia nel messinese dove gli abitanti si sfidano a carnevale a lanci di forme da 10 kg per i vicoli di paese. Il gioco consiste nel lanciare per un percorso di 1 km la forma facendo meno lanci possibili e arrivando a tagliare il traguardo per primi. Devo dire che sembra facile ma per me è stato un mix di precisione, mira e forza. Bisogna saper gestire con pratica il laccio che avvolge la forma, detta “a lazzata” per determinare velocità e direzione. Ci vuole allenamento!
Dopo essermi esercitata con qualche lancio, lascio la postazione agli altri giocatori e mi avvicino alle trottole che catturano la mia attenzione ma con la curiosità e un pò di acquolina in bocca per un formaggio che ho stretto tra le mani senza però assaggiarlo!

Lancio del Maiorchino al festival dei giochi di strada di Verona Tocatì
Ruzzolone

Attraversato il fiume Adige, oggi percorribile con i gommoni ma sarebbe bello lo fosse sempre, un pò come la Senna per i parigini, mi imbatto in un altro gioco di “lancio del formaggio”. In realtà il “ruzzolone“, così si chiama, non si faceva solo con le forme di formaggio stagionato ma anche con pietre rotonde come queste che però sono di legno e quindi più leggere. A giocare, infatti, ora sono sia gli adulti che i bambini, ma un tempo erano i pastori che ingannavano il tempo durante la transumanza. Siamo a Spoleto, in Umbria dove esiste proprio una sede del “lancio del ruzzolone”. Il compito di stabilire un punteggio è affidato a delle bande metalliche che devono essere colpite dalla forma. Più piccola è la fessura da centrare, più punti si accumulano. Vi lascio immaginare quale può esser stato il io punteggio!

Ruzzolone gioco del Tocatì
Ruzzolone gioco del Tocatì

Visitate Verona e vivete il Tocatì.
Datevi l’opportunità di tornare indietro nel tempo quando era la curiosità a governare i vostri gesti e con la meraviglia negli occhi affrontavate i pomeriggi dopo scuola.

Guardatevi attorno. Ogni postazione è dislocata in angoli suggestivi e particolari di Verona proprio per far conoscere nuovi scorci di questa città antica.

Una zona molto suggestiva di Verona che a me piace tanto è Veronetta.
Un quartiere nato sulle rive del fiume Adige che negli anni ha assunto varie connotazioni ma rimane secondo me un luogo emblematico per vivere e respirare la città. Ne ho parlato qui: Leggi l’articolo

scorcio di Veronetta quartiere di Verona

Se ad un certo punto ti venisse fame puoi sostare alla pizzeria Saporè , Scopri qual è
Dove lo chef Renato Bosco prepara i suoi lievitati: Crunch, Doppio Crunch, Aria di pane.

Pizza Doppio Crunch di Chef Renato Bosco


Ti è piaciuto questo articolo?

Lasciami la tua email, ti comunicherò interessanti opportunità e promozioni da cogliere al volo dal mondo food, le ultime novità in campo culinario e i migliori locali per andare a cena a Verona e provincia!


Accetto il trattamento dei dati e della Privacy. Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi per il solo invio della nostra newsletter. Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.