Cosa fare in Val di Rabbi, camminare mangiare e divertirsi in compagnia

Tipica malga in Val di Sole

Cosa fare in Val di Rabbi

Cibo e divertimento in montagna

Siete alla ricerca di un’idea per trascorrere un week end in montagna? Eccone una: cosa fare in Val di Rabbi.
Sono stata in Val di Rabbi durante le vacanze dell’ultimo dell’anno in compagnia di amici accomunati dalla medesima passione per la montagna.
Con o senza neve la Val di Rabbi è stupenda e offre tante opportunità di svago e relax non solo in inverno. Infatti, ci si può andare in vacanza sia d’estate che d’inverno senza annoiarsi mai.

Una valle per tutta la famiglia. Molte sono le attività da fare per grandi e piccoli e altrettanti i posti dove mangiare.
Scoprite insieme a me cosa fare in Val di Rabbi, in questo breve minitour pensato per voi!

Val di Rabbi: dove siamo

Siamo nella Regione del Trentino. La Val di Rabbi è vicina ad altre vallate molto conosciute. Si collega all’adiacente Val di Sole tra i Comuni di Malè e Terzolas ed è parallela alla Val di Pejo.

Val di Rabbi è inserita all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio che si può visitare con facili sentieri e se siete fortunati potrete vedere anche qualche animale libero nei boschi. Per me è una delle valli più suggestive del Trentino perchè più selvaggia delle altre, soprattutto nella parte finale in cui va incontro al bosco di abeti e larici.

Non vi resta che visitarla… e poi ditemi se non vi ha conquistato subito.

Cosa fare in Val di Rabbi

Siete alla ricerca di un posto dove trascorrere una vacanza rilassante, divertente , mangiando ottimo cibo? Allora Val di Rabbi fa per voi.

Io amo la montagna, credo che ormai sia trapelato qua e là, però mentre scrivo mi immedesimo in una famiglia tipo in cui non tutti adorino scarpinare su e giù per i monti. In questo caso, Val di Rabbi offre tante alternative anche per chi non ama camminare e preferisce rilassarsi con altre attività.

Se siete arrivati all’imbocco della valle, proseguite fino in fondo, al Comune di Rabbi Fonte da dove partono molti sentieri per raggiungere le malghe più in alto e due attrazioni che dovete assolutamente vedere: le segherie veneziane e il ponte sospeso.

Alcune immagini della vacanza in Val di Rabbi: Escursione in Val di Pejo e Ponte Sospeso.

  • Segherie veneziane
    Come vi raccontavo il fondo della valle propone interessanti escursioni nel Parco dello Stelvio. Prima di arrampicarci e far fatica, –  i più pigri mi apprezzeranno – fate una sosta alle “segherie veneziane“.

Qui nel tempo si sviluppò l’attività di taglio dei tronchi per la Repubblica Serenissima, vista la folta presenza di alberi nei dintorni, grazie anche alla presenza del torrente Rabbies le cui acque venivano utilizzate per il funzionamento delle macchine per tagliare il legno.



Alcune di queste segherie sono rimaste attive fino agli anni ’60. L’itinerario oggi si snoda in una parte pianeggiante e accessibile in gran parte anche a disabili. Merita d’estate una sosta sotto gli alberi per rinfrescarsi.

  • Il ponte sospeso

Per chi ama il brivido e non rinuncia ad una scarica di adrenalina pura, in Val di Rabbi tra le cose da fare c’è il Ponte sospeso del Ragaiolo. Se lo percorrerete potrete  vedere le cascate di Saent da una prospettiva insolita sospesa nel vuoto.
Provate “l’emozione di camminare sopra lo scorrere dell’acqua”.
Si raggiunge con una breve passeggiata e si ha la possibilità di ammirare le cascate in tutto il loro splendore, sia d’estate che d’inverno gelate. E’ un percorso sicuro che possono fare tutti, anche i bambini. Quindi rilassatevi, non fate come me che mi tremavano le gambe.
Lasciatevi andare, godete come un’aquila la sensazione di stare nel vuoto e ammirate lo spettacolo della cascate ai vostri piedi.

Ma ancora…

Se non avete voglia di escursioni, d’estate la Val di Rabbi vi coccola con il centro termale a Rabbi Fonti e il percorso Kneipp in località San Bernardo che va fatto rigorosamente scalzi; pensato per il benessere di tutta la famiglia.

Naturalmente non manca l’alternativa per fare attività fisica: trekking, nordic walking oppure ciaspolate sulla neve. Potete scegliere alcuni dei tanti sentieri con cui raggiungere le malghe che offrono piatti caldi aperte sia d’estate che di inverno come Malga Fratte Bassa a cui arrivate con una camminata non impegnativa, con poco dislivello e dove potete recuperare il fiato consumato durante la salita davanti ad un paesaggio spettacolare.

Cosa mangiare

Val di Rabbi: dove mangiare

Dopo tanta attività fisica è venuto il momento di sedersi a tavola.
Il cibo è per me una componente fondamentale in una vacanza, da tenere in considerazione come l’alloggio e le attrazioni. Non è vacanza se non si è mangiato bene.
E in questo devo dire che la montagna non si smentisce mai, in particolare il Trentino.

Formaggio Casolet tipico della Val di Rabbi

Questo è il Casolet, tipico formaggio tradizionale che si può trovare in queste vallate. Un tempo di produceva solo in autunno, quando le mandrie erano scese dagli alpeggi, le mucche erano in asciutta e le mungiture giornaliere scarseggiavano. Era il formaggio “di casa” per eccellenza da consumare in famiglia fresco o semi-stagionato. Potete acquistarlo anche allo spaccio del caseificio Caseificio Cercen che vi consiglio di visitare. Lo trovate comodamente sulla strada statale di Terzolas. Secondo me difficilmente riuscirete a staccarvi dal banco di esposizione dei formaggi come bambini davanti alla scelta dei gelati.

In questi giorni in Trentino non ho mangiato soltanto formaggio Casolet ma tanti altri buonissimi piatti  negli agriturismi e baite della vallata.
Vi lascio i 3 locali dove secondo me vale la pena fermarsi.

Agriturismo Ruatti (Loc. Pracorno 95/A 0463/901070)
https://www.agriturruatti.it/it/

Cucina casalinga tradizionale trentina con piatti preparati in modo semplice e con ingredienti sani prodotti dalla loro azienda. Frutta e verdura dell’orto, formaggi e carne prodotta senza nessun tipo di conservante.
Ho assaggiato la zuppa d’orzo e mio marito un tris di primi con canederli, spaetzle e ravioli fatti in casa.

Di secondo l’agriturismo propone squisite costine di maiale stufate, il cotechino e lo stinco accompagnato da polenta fumante o purè di patate. Da assaggiare la giardiniera preparata con le loro verdure.

Agriturismo Ruatti Val di Rabbi primi

Qui potete anche dormire e acquistare i loro prodotti nello spaccio.
L’ambiente è pulito e si presenta curato. Il costo della cena è in linea con la qualità dei prodotti. Nel mio caso eravamo in gruppo e non è così facile darvi una cifra corretta in base ai piatti ma con 30€ potete gustare una cena tipica trentina compreso i vini.

Osteria del Bosco (Loc. Regazzini – Malè 0463/901252)
TripAdvisor/Osteria del Bosco

Un luogo tranquillo immerso nel verde tra gli alberi in una frazione nel vicino paese di Malè.
Il nostro gruppo ha conosciuto questo locale perchè gestito dalla guida alpina Armando che l’anno scorso ci accompagnò durante un’escursione nel Parco Nazionale dello Stelvio. Potevamo non provare la sua cucina?

L’ambiente si presenta bene fin da subito. Arredamento tipico di montagna ben curato con allestimenti in legno che rendono calda l’atmosfera.

La cucina è ben curata e i piatti si presentano molto bene. I sapori sono quelli tipici di montagna che fanno salire subito l’acquolina in bocca e che ti immagini fin dal mattino quando indossi gli scarponi.

Qui avevamo un menù concordato con un antipasto di polenta e formaggio fuso. Un bis di primi con tagliatelle ai 5 cereali e funghi e un risotto ai mirtilli da favola. Per finire un tenero arrosto con patate croccanti e l’imperdibile dolce. Io ho scelto la torta Foresta nera che non mangiavo da una vita e che ancora mi sogno di notte.

Tutto ben preparato e offerto con la gentilezza e simpatia della padrona di casa Graziella.
Cifra per la cena sotto i 30€ con i vini (da considerare che eravamo in gruppo).

Se avete letto fino a qui o siete amanti della montagna o del buon cibo, magari di entrambi.
Allora mi sento di darvi un ultimo consiglio perchè magari mentre siete in montagna vi assale quell’irresistibile voglia di pizza e non sapete dove andare a mangiarla.

Dove mangiare la pizza in Val di Rabbi? In località S. Bernardo (dove c’è il percorso Kneipp) ho mangiato una buonissima pizza alla Pizzeria 800 con prosciutto di cervo. Una sorpresa per me che non mi aspettavo di trovare una pizzeria così buona in Trentino che normalmente non è conosciuto per l’arte bianca.